La “presunzione” dei venditori